logo Per le cose che hanno importanza, "fai passaparola"!

Bambino di tre anni sa da chi è stato ucciso. Riconosce l’assassino e il luogo dove è stato sepolto...

La storia che vi stiamo per raccontare ha dell'incredibile ed è talmente inspiegabile scientificamente che siamo anche noi combattuti da sentimenti contrastanti.

Il protagonista di questa storia è un bambino siriano che vive in un villaggio rurale sulle alture del Golan, al confine tra Siria, Israele e Libano. Per essere un bambino di soli 3 anni possiede un'ottima padronanza della lingua e pur essendo palesemente vivo, per varie settimane ha insistentemente raccontato di sapere con precisione da chi è stato ucciso...

Tutti pensavano che stesse giocando troppo con la fantasia. Eppure le parole del piccolo erano troppo macabre per non essere prese sul serio. Rivelava infatti di ricordare terribili immagini in cui era presente un'ascia e alla fine il dubbio si insinua nelle menti degli altri abitanti del villaggio. La piccola comunità è formata in prevalenza da drusi, una minoranza etnica che crede nella reincarnazione e nella rinascita, motivo per cui le parole del bimbo assumono un significato particolare.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo Condividi su facebook

Sulla fronte, poi, il bimbo ha una voglia rosso fuoco che i drusi, dopo il suo racconto, interpretano subito come il segno di una ferita probabilmente ricevuta nella vita precedente.

Alle domande degli adulti il bambino rispondeva sempre allo stesso modo – qualcuno l'aveva ucciso a colpi d'ascia nella sua vita precedente. Gli anziani, grazie alle sue dettagliate descrizioni, riescono a capire quale sia il posto dove si sarebbe consumato l'omicidio.

× Seguici su Facebook Mi piace già
×

Aggiungiamo contenuti interessanti ogni giorno.

Seguici su Facebook