logo Per le cose che hanno importanza, "fai passaparola"!

Dopo l’intervento, il cane ha finalmente potuto mangiare qualcosa. Non toccava cibo da quando il suo torturatore gli aveva coperto la bocca con il nastro. Lucky era esausto e c’era il rischio che sviluppasse un forte stato infiammatorio.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo Condividi su facebook

Il nastro isolante non è più una minaccia.

Lucky è stato trasferito in un rifugio a Ho Chi Minh, dove il suo recupero sta andando a gonfie vele. Ora è in attesa di essere adottato. La crudeltà umana batte continuamente nuovi record... speriamo solo che il responsabile venga individuato e punito.

Quanto ha dovuto penare…

× Seguici su Facebook Mi piace già
×

Aggiungiamo contenuti interessanti ogni giorno.

Seguici su Facebook