logo Per le cose che hanno importanza, "fai passaparola"!

Vede un baby bisonte tremante per il freddo e lo carica in auto. Brutta fine per entrambi...

Se ci troviamo davanti ad un cucciolo solitario è forte la tentazione a prestargli soccorso, soprattutto se riteniamo che abbia freddo. Gli animalisti però raccomandano di non avvicinare i piccoli di animali selvatici – questo gesto di affrettato eroismo, infatti, può causare più danni che benefici. Se vi state interrogando sul perchè provvediamo subito a dare chiarimenti.

Una donna americana trova in spiaggia un cucciolo di foca. Sinceramente convinta di far del bene, lo ha portato a casa sua in una... borsa di plastica. A nulla valsero i tentativi di rianimazione da parte dei dipendenti dell’acquario locale – l’animale era già caduto nella fase letargica e a malincuore si dovette sopprimerlo.

Questa turista – come probabilmente la maggior parte di noi – non conosceva le abitudini dei mammiferi marini. Meglio non interferire perchè i piccoli di foca sono soliti raggiungere la riva per riposare, regolare la temperatura corporea e attendere che gli adulti tornino dalla caccia.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo Condividi su facebook

Se un cucciolo di animale selvatico vaga da solo la gente spesso ritiene che sia stato abbandonato dagli adulti. Questa non è certo una rarità, è però anche estremamente probabile che i membri del branco si trovino nei paraggi e osservino il “rapimento” del cucciolo!

Animati da un genuino desiderio di prestare soccorso, possiamo causare in realtà dei danni irreparabili – molti interventi, se non assistiti da competenze e capacità, possono concludersi con l’eutanasia del cucciolo.

Lo conferma uno spiacevole episodio verificatosi nel Parco di Yellowstone. Dei turisti avevano trovato un baby bisonte e, pensando che fosse infreddolito, l’hanno caricato sul loro SUV per portarlo dalla guardia forestale. Uno sbaglio che è costata la vita all’animale – i rangers hanno ripetutamente provato a reinserirlo nel branco ma i simili continuavano a respingerlo perchè il cucciolo era impregnato dell’odore umano. Da solo inoltre non sarebbe sopravvissuto e avrebbe potuto creare rischi per la circolazione delle auto. Epilogo: le autorità del Parco lo hanno soppresso e i responsabili della vicenda sono stati multati per i danni arrecati all’ecosistema naturale...

Queste vicende sfortunate capitano fin troppo spesso. L’errore è attribuire dei bisogni umani (ad es. il ripararsi in un posto caldo) ad animali selvaggi. Le buone intenzioni (suscitate da preoccupazioni ingiustificate e fuori luogo) finiscono così per avere degli esiti fatali.

Un altro cucciolo di foca è stato trovato da una coppia che, mossa a compassione, l’ha avvolta in un asciugamano e portata a casa. Benchè l’animale fosse stato messo nella doccia e poi riportato in spiaggia era già troppo tardi – non c’era più niente da fare.

Lo stesso dicasi per un cerbiatto che aveva ancora attaccato il cordone ombelicale: qualcuno pensava che il cucciolo fosse stato abbandonato e lo ha portato ad una stazione delle autorità forestali. Per via dell’interferenza esterna la madre non voleva più accudirlo ed è stato necessario abbatterlo.

Gli specialisti lanciano l’appello – lasciate vivere la natura secondo le sue leggi. Se incontrate un animale selvatico evitare di avvicinarlo, dimenticatevi azioni caritatevoli, non toccatelo e non fatevi fotografie in sua compagnia perchè in caso contrario fareste tutt’altro che una buona azione – gli adulti e gli altri membri del branco possono infatti respingerlo, condanndandolo a morire di fame o lasciandolo alla mercé dei predatori. Se proprio volete aiutare un animale selvaggio che secondo voi necessita di cure mettetevi in contatto con chi se ne occupa professionalmente.


Condividete l’articolo e prima di fare escursione in ambienti naturali (montani, fluviali o marini) informatevi sulle norme di sicurezza da rispettare. Per il bene vostro e degli animali.

× Seguici su Facebook Mi piace già
×

Aggiungiamo contenuti interessanti ogni giorno.

Seguici su Facebook