logo Per le cose che hanno importanza, "fai passaparola"!

In preda alla follia una 24enne disegna il quadrante di un orologio. Il suo medico lo vede e capisce che deve intervenire!

La storia di Susannah Cahalan (24 anni) è degna di un film dell’orrore, se non fosse che è successa veramente. La ragazza era il ritratto della salute – giovane, iperattiva e carica di energia positiva. Aveva da poco ottenuto il posto agognato di giornalista ma da un giorno all’altro le cose sono precipitate... Se non fosse stato per un medico di ampie vedute la storia di Susannah si sarebbe potuta concludere tragicamente!

Susannah ha cominciato a sentirsi letargica e spossata, le mancavano le forze per recarsi al lavoro. Comparvero le prime allucinazioni e si presentarono gli scatti incontrollati del corpo, segno di disordini neurologici. La ragazza finì in ospedale.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo Condividi su facebook

Le sue condizioni peggiorarono ulteriormente. Susannah reagiva con aggressività, provava a fuggire, non voleva farsi avvicinare dai parenti. I medici pensarono che la giovane soffrisse di esaurimento nervoso e stavano per mandarla in un reparto psichiatrico quando il suo quadro clinico fu sottoposta all’attenzione del dottor Souhel Najjar. Un incontro che sancì un punto di svolta nella terapia di Susannah.

Souhel esaminò i risultati delle analisi fatte precedentemente e li mise da parte. Decise piuttosto di eseguire un piccolo esperimento. Chiese alla ragazza di disegnare il quadrante di un orologio e si convinse che l’inferno che Susannah stava attraversando non aveva nulla a che fare con malattie di natura psichiatrica quanto con un fenomeno fisiologico. Se non avesse avuto questa intuizione la ragazza sarebbe sicuramente morta.

× Seguici su Facebook Mi piace già
×

Aggiungiamo contenuti interessanti ogni giorno.

Seguici su Facebook