logo Per le cose che hanno importanza, "fai passaparola"!

Chi salva una creatura indifesa salva il mondo. Anche sotto la pioggia!

Kathryn Van Beek abita ad Auckland (Nuova Zelanda) e all’inizio di questa estate si dovette fare tutta la strada verso casa sotto la pioggia. Una brutta tempesta, non annunciata dalle previsioni, si era infatti scatenata sulla città e la fretta non aveva permesso alla donna di riconoscere subito la piccola figura in movimento che tutto ad un tratto le aveva toccato la caviglia. Avvertì solo una sgradevole sensazione di freddo e bagnato e pensò si trattasse di un topo...

Spaventata, prese a fare qualche rapido passo in avanti ma quando si voltò Kathryn si accorse che l’animale non si era mosso da dove era avvenuto il contatto con la sua gamba. La pioggia scendeva troppo fitta e impediva di vedere bene anche a pochi metri di distanza. Pensò che qualche secondo in più sotto la sferza dell’acqua non le avrebbe poi fatto grande differenza, tornò quindi incuriosita sui suoi passi e si trovò davanti ad un gattino piccolissimo. Aveva ancora il cordone ombelicale...

Ti è piaciuto questo post? Condividilo Condividi su facebook

Kathryn non esitò a portarlo a casa benchè temesse che il suo gatto non avrebbe apprezzato il nuovo arrivato...lo chiamò Bruce in onore a Bruce Wayne, l’orfano miliardario che si trasforma in Batman per condurre la sua personale crociata contro il crimine...

Ogni 2 ore Kathryn doveva dare da mangiare al gattino, per cui decise di portarselo con sé al lavoro dove però veniva stressato dai colleghi curiosoni. Al lavoro del marito le cose non sarebbero andate meglio – lui è un insegnante e i bambini non avrebbero dato tregua alla creaturina!

× Seguici su Facebook Mi piace già
×

Aggiungiamo contenuti interessanti ogni giorno.

Seguici su Facebook