logo Per le cose che hanno importanza, "fai passaparola"!

A più di settant’anni scopre di essere la beneficiaria di un’enorme eredità. Non crederete a quello che ha fatto!

La storia della serba Marija Zlatic ha dell’incredibile. Tutto è iniziato nel 1956, quando l’allora giovane Marija emigrò in Australia con Momcilo, suo marito. Sembrava che tutto stesse andando per il verso giusto – lui venne assunto come carpentiere, avevano di che vivere ma una decisione fece capovolgere gli eventi.

Marija era partita con suo marito per il continente australiano. Volevano rifarsi una vita in quella terra lontana dal loro Paese d’origine ed effettivamente durante i primi 18 mesi riuscirono a sistemarsi in maniera più che decorosa. Fu allora però che la giovane ricevette una notizia dalla madre... La donna era gravemente malata e Marija decise di tornare in Serbia ad accudirla.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo Condividi su facebook

Marija ha vissuto a lungo con la madre e rimase al suo capezzale fino alla morte di lei. Per tutto quel tempo lo scambio epistolare fu l’unico tramite con cui Marija poteva comunicare con suo marito, lontano migliaia di chilometri. Quando, dopo il funerale della madre, Marija volle raggiungere nuovamente suo marito, si apprese che ciò non era più possibile perchè nelfrattempo era cambiata la legislazione... La coppia non se lo aspettava, il colpo per loro fu duro. Benchè continuassero a scriversi lettere, la distanza indebolì progressivamente il loro amore.

Possiamo solo immaginarci come si sentisse Marija. Non si legò più a nessuno e rimase a vivere in completa solitudine in una piccola casa circondata dal bosco. Si è rassegnata al destino affrontando vari disagi e mantenendosi tuttora con una pensione di circa 100 euro. Come lei stessa ammette, man mano che il tempo passava e i sentimenti si attutivano fino a scomparire del tutto, si è adeguata alla situazione e al corso che aveva preso la sua vita.

× Seguici su Facebook Mi piace già
×

Aggiungiamo contenuti interessanti ogni giorno.

Seguici su Facebook